links gastro
 

Le Cantharellaceae

In questo ultimo decennio la Famiglia delle Cantharellaceae è stata oggetto di un approfondito studio e di una meticolosa revisione. Diverse varietà o forme sono state elevate al rango specifico, altre specie hanno cambiato Genere o sono state rinominate in taxa diversi, prioritari o più inerenti le caratteristiche specifiche. In questa sede cerchiamo di semplificare al meglio l’argomento, con la speranza di aver chiarito eventuali dubbi o perplessità su questi funghi!

La Famiglia delle Cantharellaceae J. Schrot. (Basidiomycetes) è caratterizzata da sporofori pileati, più o meno imbutiformi (habitus clitocyboide) da pieni e carnosi a cavi e papiracei, con carne filamentosa, con imenoforo subliscio o con pliche (pseudo o false lamelle), privi di velo e stipite spesso eccentrico. Le basidiospore sono lisce, non amiloidi, crema-gialline in massa, cistidi assenti. Habitat terricolo, ectomicorrizici di diverse essenze arboree.

Tutte le specie, varietà e forme delle Cantharellaceae sono commestibili, in quanto non sono note e/o documentate specie tossiche. Dal punto di vista gastronomico e organolettico le specie migliori sono: Cantharellus cibarius, Craterellus lutescens e Craterellus cornucopioides. Il C. cibarius (finferlo, gallinaccio) non si può essiccare (diventa amaro e coriaceo) e va consumato con moderazione, a causa della sua consistenza filamentosa-stopposa. I Craterellus lutescens (finferla) e cornucopioides (trombetta dei morti) si possono anche essiccare e/o ridurre in polvere aromatica.

L’habitat aiuta molto per l’identificazione corretta delle specie. Gli ambienti di crescita dei cantarelli sono di tre tipi: 1) Mediterraneo (leccio o macchia mediterranea, pini marittimi) tipico, per esempio, di Cantharellus alborufescens; 2) Termofilo-submediterraneo (quercia, carpino, faggio appenninico) tipico, per esempio, di Cantharellus pallens, Cantharellus ferruginascens e di gran parte dei Craterellus; 3) Alpino-subalpino (peccio, abete bianco, pino silvestre, castagno, faggio) tipico, per esempio, di Cantharellus cibarius, Cantharellus friesii, Craterellus lutescens e Craterellus cornucopioides.

La Famiglia delle Cantharellaceae J. Schrot. include due Generi:

1. Imenoforo con pliche molto evidenti, sporgenti, gambo pieno
Cantharellus Adans. ex Fr.
 
2. Imenoforo con pliche da poco marcate a quasi assenti, gambo cavo
Craterellus Pers.

Genere Cantharellus Adans. ex Fr.

1. Specie immutabili, non arrossanti al tocco o a maturità
2
   
1. Specie nettamente giallo-arrossanti al tocco o a maturità
3

 

2. Taglia piccola (cappello max 4 cm), interamente di colore rosa-arancio, rosa albicocca. Latifoglie (castagni) C. friesii Quél.
   
Se il basidioma è ancora più piccolo (cappello max 2 cm) e di colore giallo pallido, con carne ingiallente all’aria
C. romagnesianus
Eyssart. & Buyck

 

 



c1
Cantharellus friesii (foto Riccardo Mazza)

2. Taglia più grande, cap. fino a 15 cm, interamente colorati di giallo, giallo carico, senza tonalità rosata. Conifere (pecci, abeti, pini) e latifoglie (faggi e castagni) C. cibarius Fr. : Fr.
   
Se con lamelle giallo-arancio. Pini marittimi C. atlanticus (Romagn.)
Eyssart. & P. Roux

 




c2
Cantharellus cibarius presso pecci (Picea abies)

c3
Cantharellus cibarius presso castagni (Castanea sativa,foto Valerio Turri)

3. Basidioma bianco o biancastro, molto arrossante al tocco o a maturità. Habitat mediterraneo (leccio e macchia mediterranea) C. alborufescens (Malençon) Papetti & Alberti
   
Se il cappello presenta una pruina lilla-rossastra, irregolarmente distribuita f. lilacinopruinatus
(Hermitte et coll.) Eyssart.
   
Se il cappello è giallo-arancio e l’imenoforo pallido C. ilicis Olariaga & Salcedo

 

 

 

 

c4
Cantharellus alborufescens presso lecci (Quercus ilex)

3. Basidioma di colore e habitat differenti
4

 

4. Taglia media e consistenza dura e compatta. Cappello e gambo biancastri, poi giallo pallidi; cappello inizialmente pruinoso, ingiallente al tocco come il gambo. Lamelle subito giallo vivo. Latifoglie termofile (per lo più querce)
C. pallens Pilát (= C. subpruinosus Eyssart. & Buyck, = C. cibarius var. flavipes R. Heim ex Essart. & Buyck, = C. cibarius var. bicolor R. Maire)
   
4. Taglia media e consistenza dura e compatta. Cappello e gambo giallo-ocra pallido; cappello con piccole scaglie o squamule lilla-violacee disposte irregolarmente sulla superficie; lamelle giallo-ocracee; gambo giallo pallido, fortemente ingiallente al tocco. Conifere (pecci, abeti) e latifoglie (faggi) per lo più alpine o subalpine C. amethysteus (Quél.) Quél.
   
4. Taglia media ma consistenza flaccida. Cappello e gambo giallo pallido con tonalità verdastre o glauche, giallo-ocra poi ocra-rossastro al tocco soprattutto sul gambo. Lamelle concolori al cappello. Latifoglie termofile o sub mediterranee (per lo più querce) C. ferruginascens P.D.Orton
   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

c5
Cantharellus pallens presso castagni (Castanea sativa)

c6
Cantharellus pallens presso roverelle (Quercus pubescens)

c7
Cantharellus amethysteus presso pecci (Picea abies)

c8
Cantharellus amethysteus subcespitoso, presso pecci e abeti bianchi (foto Giorgio Colla)

c9
Cantharellus ferruginascens presso cerri (Quercus cerris, foto Valerio Turri)

c10
Cantharellus ferruginascens presso cerri (Quercus cerris, foto Valerio Turri)

 

Genere Craterellus Pers.

1. Basidiomi di colore nero, nero-brunastro o bruno-grigiastro
2
 
1. Basidiomi di colore giallo, giallo-arancio o giallo-lilla almeno nell’imenoforo
3

2. Taglia grande, imbutiforme, tutto nerastro, igrofano; imenoforo subliscio, senza pliche; gambo cavo. Latifoglie (faggi, castagni, querce etc.) C. cornucopioides (L. : Fr.) Pers.
   
Se tutto il basidioma è giallastro f. lutea Aframendi & Hidalgo
   
Se solo l’imenoforo è giallastro var. flavicans Sacc.
   
Se tutto il basidioma è decolorato al rosa-giallo pallido var. roseus R. Heim

 

 

 

 

 

c11
Craterellus cornucopiodes presso cerri (Quercus cerris)

2. Taglia piccola, imbutiforme, bruno-grigiastro per lo più sul cappello che è igrofano e lobato al margine; imenoforo con pliche mal formate (*), più come grosse rughe; gambo grigio, scanalato-rugoso. Latifoglie (faggi, castagni, querce etc.)
C. sinuosus (Fr. : Fr.) Fr.
[= (*) Pseudocraterellus undulatus (Pers. : Fr.) S. Rauschert]
   
Se il cappello è molto frastagliato e increspato al margine var. crispus (Fr.) Quél.
   
Se tutto il basidioma è giallo pallido var. luteoalbus (Bon, F. Massart & Rouzeau) Vila
   

 

 

 

 

 

c12
Craterellus sinuosus in bosco misto di latifoglie

2. Taglia piccola, imbutiforme, tutto nerastro, igrofano; imenoforo con pliche basse ma ben formate (*); gambo sottile, scanalato,
poco cavo. Latifoglie (faggi, castagni, querce etc.)
C. cinereus (Pers. : Fr.) Quél.
[= (*) Pseudocraterellus cinereus (Pers.) Kalamees]
   

 

 


c13
Craterellus cinereus in bosco misto di latifoglie

3. Taglia media, imbutiforme, bruno-giallastro sul cappello che è igrofano, fibrilloso e lobato al margine; imenoforo subliscio, con rughe grossolane giallo o giallo-arancio come il gambo, per lopiù scanalato e presto cavo. Soprattutto conifere (pini, pecci), ma anche latifoglie (castagni) C. lutescens (Pers. : Fr.) Fr. [= Cantharellus aurora (Batsch) Kuyper]
   
Se tutto il basidioma è giallo-arancio, senza toni bruni luteocomus (Bigelow) Eyssart
   
Se tutto il basidioma è bianco o crema-biancastro var. albidus (Bon & Pacaud) Vila
   
Se solo il gambo è bianco o biancastro f. niveipes (Schild & Wafler) Vila
   


 

 

 

 


c14
Craterellus lutescens presso pecci (Picea abies)

3. Taglia media, imbutiforme, giallo-ocra sul cappello che è igrofano e lobato al margine; imenoforo con rughe grossolane prima crema-giallastre poi grigio-lilla pallido; gambo corto e tozzo, giallo-ocraceo, subliscio e presto cavo. Latifoglie (per lo più querce e castagni), raro
C. ianthinoxanthus (Maire) Pérez-De-Gregorio
   
Se il basidioma è più slanciato e meno carnoso, più o meno annerente ovunque e l’imenoforo è con pliche basse ma ben formate C. melanoxeros (Desm.) Pérez-De-Gregorio
   

 



 

c15
Craterellus ianthinoxanthus (foto Emilio Rigoni)

c16
Craterellus melanoxeros in bosco misto di latifoglie

3. Taglia media, imbutiforme, bruno, bruno-grigiastro, bruno-ocra sul cappello che è igrofano, fibrilloso e lobato al margine; imenoforo con pliche basse ma ben formate (*), da grigio-giallastre a grigio-brunastre; gambo giallo-ocraceo, grigio-giallastro, talvolta scanalato e presto cavo. Soprattutto conifere (pini, pecci), ma anche latifoglie (faggi, castagni) C. tubaeformis (Bull. : Fr.) Quél. (= Cantharellus (*) tubaeformis Bull. : Fr.)
   
Se il basidioma è tutto giallo, anche nell’imenoforo f. pallidus (Gillet) Vila (= Cantharellus tubaeformis var. lutescens Fr. S. auct.)
   

 

 

 

 

 


c17
Craterellus tubaeformis presso pecci (Picea abies)

Dalle chiavi analitiche risulta evidente l’importanza della presenza delle pliche (pseudo lamelle): più sviluppate, alte e in rilievo nel Genere Cantharellus; meno sviluppate, più basse e talvolta ridotte a delle semplici rughe nel Genere Craterellus. Nei Cantharellus è anche molto importante verificare subito, sul fresco, se il basidioma presenta un certo arrossamento a partire dal gambo o al margine del cappello. Anche la taglia e la consistenza hanno una certa importanza, come l’habitat per entrambi i Generi. Infine, è basilare stabilire che il gambo dei Cantharellus sia pieno, mentre quello dei Craterellus sia pressoché cavo.

(*) = a causa delle pliche ben formate ed evidenti, la specie è stata a lungo inserita nel Genere Cantharellus o tutt’al più nel Genere Pseudocraterellus.

Roberto Galli

 

  1. Boccardo F., Traverso M., Vizzini A. & M. Zotti, 2008: Funghi d’Italia. Zanichelli, Bologna

  1. Courtecuisse R. & B. Duhem, 1994: Guide des Champignons de France et d'Europe. Delachaux et Niestlé, Paris.

  1. Eyssartier G. & P. Roux, 1994: Le Guide des Champignons; France et d'Europe. Belin, Paris.

  1. Papetti C., G. Consiglio & G. Simonini, 2005-2006: Funghi d’Italia. Vol. 1, 2, 3. A.M.B., Fondazione Centro Studi Micologici, Trento.



torna su